Ceramics
«SACMI Maestro»,  presente e futuro <br> delle tecnologie per la cottura in ceramica <br>

«SACMI Maestro», presente e futuro
delle tecnologie per la cottura in ceramica

Qualità, zero difetti, bassi consumi ed emissioni, più versatilità grazie agli allestimenti digitali innovativi. La nuova gamma di forni SACMI per la cottura in ceramica protagonista, il 24 febbraio 2021, del quinto incontro della rassegna Ceramic Innovation Days

Qualità, bassi consumi, rispetto della salute e dell’ambiente. Con queste variabili si misura il processo di cottura nell’industria ceramica, protagonista, il 24 febbraio 2021, del quinto incontro della rassegna Ceramic Innovation Days . Con la nuova gamma di forni «Maestro» , SACMI mette a valore decenni di esperienza nell’impiantistica ceramica, con oltre 3000 forni venduti in tutto il mondo.
 

La maestria di Sacmi nella tecnologia della cottura in ceramica

 

Maestro nella qualità. Uniformità nei toni, nelle dimensioni, nelle planarità. Queste le prime variabili con le quali si misura il processo di cottura in ceramica che, con la nuova gamma di forni Maestro, garantisce zero defettologie durante tutto il processo. Assicurare costanza e ripetibilità in ogni condizione di lavoro è la moderna sfida che cresce di pari passo con l’estrema varietà di prodotti, formati, decorazioni. Nuovi bruciatori ad alta velocità, sistemi avanzati e brevettati per garantire controllo di processo e uniformità delle temperature all’interno delle camere di cottura, raffreddamento controllato sono tra le principali innovazioni proposte, che garantiscono la migliore stabilità del forno per i prodotti in ceramica in ogni condizione di funzionamento, con mix produttivi diversificati ed anche in presenza di vuoti di produzione.

Maestro nei consumi. Affidabilità ed ergonomia, qualità e consumi. Variabili tra loro correlate che, nella sintesi offerta dalla nuova gamma Maestro di SACMI, si traduce in una riduzione dei consumi di esercizio del forno fino al 7%, pari a diverse decine di migliaia di euro l’anno a prezzi correnti del gas per una ceramica media. Come? Ottimizzando lo scambio del calore con il prodotto attraverso una più efficace gestione dei fumi di combustione ma, anche, grazie alla nuova generazione di bruciatori, che consente di impostare minimi più bassi, evitando sprechi. In una dimensione impiantistica – punto di forza di SACMI – questo si traduce in un’importante riduzione delle emissioni, con la possibilità, grazie all’integrazione con i sistemi di recupero calore, di alimentare altre macchine della linea (ad esempio andando a soddisfare l’intero fabbisogno energetico degli essiccatoi). Risultato, un risparmio energetico complessivo, tra essiccazione e cottura in ceramica, anche superiore al 25%.

Maestro nella flessibilità. Con Maestro, SACMI ha ingegnerizzato nuovi controlli che consentono, ad esempio, di gestire in modo più versatile ed efficiente i diversi carichi del forno e con questo gestire in modo più efficiente tutto il processo di cottura dei prodotti in ceramica. “Utilizzare il calore che serve quando serve” è il concetto che si traduce nella possibilità di impostare la regolazione dell’aria di combustione in modo diversificato nelle diverse aree del forno, con sensori avanzati che misurano il “tenore d’ossigeno”. Risultato finale, un impianto aria-gas modulato, che consente di mantenere al minimo i consumi al variare delle condizioni di carico. Grazie ai nuovi allestimenti digitali, è inoltre possibile impostare a ricetta lo specifico rapporto di combustione per ogni gruppo di bruciatori in modo differenziato, associando alla specifica ricetta del prodotto l’ottimale rapporto aria-gas nelle diverse zone del forno. Cambiando prodotto, il forno per la cottura ceramica auto-imposta i nuovi parametri ottimali, gestendo in automatico le temperature, i rapporti di combustione, il tenore d’ossigeno.

Sostenibilità e futuro. Grazie all’integrazione con il supervisore di fabbrica HERE, SACMI riporta queste innovazioni ad una dimensione impiantistica, monitorando in ogni fase gli indici di performance rilevanti. Il risultato, sul processo di cottura dei prodotti ceramici, è un bilancio termico in tempo reale ed una perfetta integrazione con i sistemi di filtrazione fumi, che SACMI gestisce attraverso l’utilizzo di post combustori auto-recuperativi di nuova generazione. L’incontro si conclude con un viaggio all’interno del Laboratorio SACMI, dove sono in corso ricerche delle nuove tecnologie per la cottura in ceramica e prototipazioni avanzate sui nuovi combustibili, con la possibilità di scoprire da vicino le prove realizzate utilizzando miscele di metano-idrogeno.
 

Per partecipare, è necessario registrarsi sulla piattaforma

Ruota il tuo device.