“The plastic container green challenge” – Protagonisti a confronto in SACMI

“The plastic container green challenge” – Protagonisti a confronto in SACMI

Evento internazionale su scenari, tecnologie e tendenze di mercato nel settore della produzione di contenitori in plastica. Sullo sfondo, le opportunità di SACMI CBF, la tecnologia per la produzione di contenitori per compressione, da oggi anche per HDPE e PET.

Un risparmio certificato di resina del 20%, a parità di prestazioni, sicurezza e garanzie per il consumatore? Questa sì che è una notizia, soprattutto se a certificarla è GSK Consumer Healthcare, uno dei principali player mondiali del pharma.

Dopo i webinar di successo su Tappi e Preforme, SACMI, leader nelle soluzioni di soffiaggio a compressione (CBF) da un decennio, è lieta di annunciare il primo webinar internazionale sulla "Sfida green per la sostenibilità nella produzione di contenitori di plastica".

Reduce, reuse, recycle: l'industria della plastica si misura con questi obiettivi di sostenibilità. Per ragioni normative e di sicurezza, tuttavia, l'imballaggio farmaceutico è spesso limitato solo alla prima opzione.

Una di queste opzioni prevede la riduzione del peso del contenitore e l'aumento delle proprietà barriera del contenitore grazie all'uso di materie prime migliorate. Con questo webinar sponsorizzato da SACMI, la sostenibilità sarà esplorata con l'aiuto dei partner.

Questi partner includono Dow, che ha sviluppato le materie prime, Milliken che ha sviluppato additivi a basso dosaggio e Alltrista che ha convertito con successo la materia prima in bottiglie usate da GSK Consumer Healthcare per il loro farmaco da banco Advil.

Prototipata già nel 2004 e commercializzata dal 2008, CBF SACMI è la prima tecnologia al mondo che consente di produrre contenitori per compressione, rappresentando una valida e vantaggiosa alternativa a tecnologie come EBM e IBM-ISBM.

Infatti, per l'industria pharma, uno dei vantaggi chiave è - oltre alla precisione, alla versatilità e alla riduzione di peso estremamente facile - un migliore effetto barriera all'umidità e all'ossigeno che, in alcuni casi, può allungare la durata di conservazione o consentire la riduzione dell'uso di essiccanti, entrambi i quali possono comportare una riduzione dell'impatto ambientale.

Unica nel settore, la CBF si presenta inoltre come una tecnologia "chiavi in mano". L'integrazione della linea (macchina, tecnologia, controlli e stampi) si estende ai sistemi computer vision per il controllo qualità dei contenitori, con soluzioni proprietarie SACMI. I clienti possono contare su uno stretto supporto di consulenza del Laboratorio, dove vengono effettuate tutte le prove e i test sui materiali e sugli stampi.

Tra gli special guest che porteranno il proprio contributo all’evento ci sarà Ken Waterman di Free Think Technologies, uno dei principali esperti internazionali di stabilità farmaceutica che ha sviluppato una scienza di modellazione e un software che permettono di determinare con precisione l'impatto dell'imballaggio sulla durata di conservazione del prodotto.

L’ultima parte dell’incontro sarà dedicata alla nuovissima applicazione della CBF SACMI, da oggi disponibile anche per la produzione di contenitori in HDPE e PET.

L'obiettivo è quello di offrire al mercato i vantaggi intrinseci di una nuova soluzione ad alte prestazioni che sfrutta un materiale completamente riciclabile e fornisce una filiera completa per la lavorazione dei contenitori una volta avviati al riciclo, un fattore chiave per mettere in pratica i principi dell'economia circolare.
Infine, ma non meno importante, le tendenze del mercato e dei consumatori indicano prospettive di crescita parallele per la tecnologia CBF nel settore nutraceutical..

Per partecipare all'incontro, occorre registrarsi sulla piattaforma

Registrati ora

Ruota il tuo device.