ceramics
Belite Ceramics, SACMI completa il primo “avviamento virtuale” 4.0

Belite Ceramics, SACMI completa il primo “avviamento virtuale” 4.0

Al fianco del cliente per vincere una sfida epocale, l’avviamento di una linea completa ed automatizzata a distanza. Ora Belite pensa in grande, con prodotti innovativi e di alta gamma realizzati grazie all’impianto SACMI

 

Già alla fine del 2019 la cinese Belite aveva tutte le macchine sul posto, pronte per essere installate ed avviate a cura dei tecnici trasferisti SACMI. Poi l’emergenza, che ha messo in quarantena l’intero Paese, bloccando ogni possibilità di viaggio in Cina per i team provenienti dall’Italia. Da qui la sfida, installare ed avviare totalmente “da remoto” l’intero impianto, tra le avanguardie nel Paese del Dragone per automazione, tecnologia, digitalizzazione.
 
Oggi l’annuncio, con le prime piastrelle da rivestimento in pasta bianca – una produzione ad altissimo valore aggiunto – e pavimentazioni in grès porcellanato smaltato uscite dalle nuove linee installate e funzionanti. Così SACMI, al fianco dei propri clienti in tutto il mondo sin dalle prime fasi dell’emergenza, dimostra di essere pronta alla fase post-COVID, dove l’assistenza virtuale sarà sempre di più un elemento cardine in fase sia di progettazione che di avviamento e assistenza dopo la vendita.
 
Nel concreto, l’avviamento è stato gestito formando tecnici locali SACMI Nanhai e, per determinate tipologie di macchine, con un percorso di training gestito da personale della casa madre, in collegamento con il team tecnico locale e con il cliente. Risultato, un pieno successo, come dimostra la telefonata arrivata in questi giorni a SACMI Nanhai dal CEO di Belite, Mr. Deng, che ha espresso «piena soddisfazione per i risultati raggiunti».
 
«La nostra ambizione – sottolinea Mr. Deng – è coniugare la migliore tecnologia disponibile con l’organizzazione più efficiente. Questa è la ragione principale per la quale abbiamo scelto le forniture SACMI, numero uno al mondo nelle forniture per l’industria ceramica, per la nostra nuova fabbrica 4.0».
 
Nel dettaglio, la fornitura comprende due linee complete per rivestimento e pavimento ad elevata automazione. A partire dal reparto preparazione impasti, composto da due mulini per la macinazione modulare continua, alimentati da sistema automatico di alimentazione materie prime, e da altrettanti atomizzatori SACMI. Seguono ben cinque presse, due essiccatoi orizzontali e decoratrici digitali INTESA. 
 
Eleganza e performance sono alla base della politica di Belite che, per il reparto cottura, ha scelto due forni bicanale SACMI di ultima generazione, nella nuova configurazione “design”.
 
Di particolare rilievo le dotazioni per il fine linea, con cinque linee di scelta, complete di sistema di visione, e veicoli LGV per il prelievo dei pallet finiti, una soluzione che proietta Belite tra le avanguardie nel Paese in tema di automazione totale di fabbrica. L’intero impianto è stato inoltre progettato per essere gestito attraverso il nuovo software HERE SACMI, con funzioni avanzate di monitoraggio, gestione delle manutenzioni, schedulazione degli ordini.
 
Sino a ieri fornitore primario di brand esteri, Belite ambisce, grazie al nuovo impianto SACMI, a valorizzare il proprio marchio scommettendo sul settore della media e alta gamma. Il cliente è, da questo punto di vista, tra i pochi nel Paese attrezzati per produrre gli eleganti rivestimenti in pasta bianca, punta di diamante della nuova gamma di offerta Belite per il settore.
 

Ruota il tuo device.